top of page

Elaborare il lutto

Aggiornamento: 18 apr

La perdita di una persona cara può diventare un’ossessione, come accade a Guido, uno dei personaggi del romanzo “La Ricompensa”.

Per rendere le sue sensazioni realistiche, ho letto diversi testi di psicologia sull’elaborazione del lutto.


Ecco, in estrema sintesi, cosa ho appreso:

Se l’evento è inaspettato, la prima reazione è 𝐢𝐥 𝐫𝐢𝐟𝐢𝐮𝐭𝐨 𝐝𝐞𝐥𝐥’𝐚𝐜𝐜𝐚𝐝𝐮𝐭𝐨. Poi subentra 𝐥𝐚 𝐫𝐚𝐛𝐛𝐢𝐚 spesso seguita dai 𝐬𝐞𝐧𝐬𝐢 𝐝𝐢𝐜𝐨𝐥𝐩𝐚 per ciò che si è fatto o non fatto nei confronti di quella persona quando era in vita.

Col tempo si arriva al 𝐩𝐚𝐭𝐭𝐞𝐠𝐠𝐢𝐚𝐦𝐞𝐧𝐭𝐨, che porta la 𝐝𝐢𝐬𝐩𝐞𝐫𝐚𝐳𝐢𝐨𝐧𝐞 𝐩𝐞𝐫 𝐥𝐚 𝐩𝐞𝐫𝐝𝐢𝐭𝐚 a scivolare lentamente verso l’𝐚𝐜𝐜𝐞𝐭𝐭𝐚𝐳𝐢𝐨𝐧𝐞.


Alle spiegazioni psicologiche sull’argomento, ho aggiunto la mia personale esperienza.


Quando ho descritto certi stati d’animo del personaggio, 𝐡𝐨 𝐩𝐞𝐧𝐬𝐚𝐭𝐨 𝐚 𝐜𝐨𝐬𝐚 𝐡𝐚 𝐬𝐢𝐠𝐧𝐢𝐟𝐢𝐜𝐚𝐭𝐨 𝐩𝐞𝐫 𝐦𝐞 𝐥𝐚 𝐬𝐜𝐨𝐦𝐩𝐚𝐫𝐬𝐚 𝐝𝐢 𝐦𝐢𝐨 𝐩𝐚𝐝𝐫𝐞. Credo che, per quanto ci si sforzi di accettare l’accaduto, all'irreversibilità di quella perdita non c'è rimedio e l'assenza continua a farsi sentire.


Nel romanzo "La ricompensa" ho espresso il concetto con queste parole:

Si dice che il tempo diluisca i ricordi e aiuti a dimenticare. Per Guido ogni minuto della giornata pesava come un mattone, i mattoni costruivano muri di ore, le ore cementavano i giorni in mesi e i mesi tiravano su gli anni un piano dopo l’altro, eppure l’assenza di lei non si lasciava seppellire sotto le fondamenta.

--------------------------------

Ciao, sono Eleonora Scali

e sei sul mio blog

"La Ricompensa" è un thriller psicologico che affronta molti temi: uno di questi è la perdita di una persona cara.





22 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Ciao Carmen!

Comments


Iscriviti al sito
per essere avvisato quando esce un nuovo articolo sul blog
e per ricevere give-away o info su offerte speciali e sconti sui miei romanzi

Grazie per esserti iscritto al sito!

bottom of page