top of page

Pillola #13 Quanto costa pubblicare un libro?

Aggiornamento: 11 apr


Ho appurato che una delle principali domande che la gente pone su Google è:

Quanto si paga per pubblicare? Seguita da: Quanto costa pubblicare un libro con Mondadori? E ancora: Quanto si paga un editore?

Vuoi sapere quali sono le risposte di Google?


Niente di utile. Google non spiega perché uno scrittore non dovrebbe pagare un editore per pubblicare. Fornisce solo un’indicazione di massima di quanto può costare pubblicare un libro, ma non specifica COME lo andresti a pubblicare e SULLA BASE DI COSA fornisce quelle cifre.


Chiariamo la cosa una volta per tutte:

Quando pubblichi con un editore, deve essere lui a pagare te e non viceversa.


L’editore è un imprenditore che guadagna sui libri che vende. Il suo lavoro è individuare autori di valore e metterli sotto contratto.

L’editore si assume l’intero rischio d’impresa, sarebbe a dire la realizzazione del libro con tutto ciò che comporta: editing, revisione delle bozze, impaginazione, grafica, assegnazione dell’ISBN, deposito legale dell’opera, stampa, distribuzione e vendita.

L’autore non deve tirare fuori un euro.


Entrambi guadagnano in percentuale sul prezzo di copertina del libro.

All’autore viene solitamente riconosciuto un 5-10% per la cessione dei diritti. Un 60% del prezzo di copertina serve a coprire le spese di distribuzione e ciò che resta è il margine per l’editore.


Esistono tuttavia case editrici che chiedono soldi all’autore. Le cifre sono tanto varie quanto le giustificazioni per chiederle (contributo alle spese di stampa, fornitura di copie-autore). Si va dai 600-700 a euro fino a 3000, 5000 e anche oltre.

Se firmi un contratto che prevede una qualche forma di pagamento, in pratica stai sollevando l’editore dal rischio d’impresa, perché inizierà a produrre il tuo libro solo quando avrà in mano i tuoi soldi.


E come pensi che lo farà? Investendoci il massimo delle energie e delle risorse?

No di certo. Perché l’azienda-editore deve guadagnare e il massimo del profitto dalla cifra che tu hai versato, lo trarrà producendo l’opera col minimo delle spese.


Anche se quella casa editrice sul contratto ti ha promesso editing, revisione di bozze e impaginazione professionale, non farà niente o quasi niente di tutto questo, perché ognuna di queste attività ha un costo.


Lo stesso vale per il marketing, la promozione e la distribuzione del libro. L’editore sa di non aver investito nella qualità e che quel libro è difficilmente vendibile. Ma per lui non è un problema, le uniche copie che ha stampato le ha già vendute a te.

Non si sbatterà oltre per te o per il tuo libro.


Il suo prossimo lavoro è reclutare qualche altro autore da spennare.


Colgo l’occasione di questo articolo, per informarti che è in arrivo una risorsa in più per te, che scrivi e vuoi pubblicare.
Sto realizzando qualcosa che tutti gli scrittori vorrebbero: una bussola per orientarsi nel variegato mondo dell’editoria e pubblicare con consapevolezza, evitando brutte sorprese o delusioni.
STAY TUNED!


Se questo articolo ti è piaciuto, iscriviti al blog. Verrai avvisato ogni volta che pubblico qualcosa di nuovo.

-----------------------

Ciao, sono Eleonora Scali e sei sul mio blog



In questo spazio parlo dei libri che leggo e di quelli che scrivo; fornisco consigli agli aspiranti scrittori; racconto dei miei viaggi, della mia passione per la musica e di me stessa come donna e come autrice.

scopri i miei romanzi




36 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


Iscriviti al sito
per essere avvisato quando esce un nuovo articolo sul blog
e per ricevere give-away o info su offerte speciali e sconti sui miei romanzi

Grazie per esserti iscritto al sito!

bottom of page